settori di ricerca

Inizio Contenuto

EVENTI

alle ore 10:00 del 26/06/2019

Vivere con l'emicrania

Dalla sottovalutazione al condizionamento esistenziale
Sala degli Atti Parlamentari - Biblioteca «Giovanni Spadolini» - Piazza della Minerva, 38 - Roma

Il Censis ha realizzato un'indagine sulla condizione delle persone che soffrono di emicrania, con particolare riferimento all'impatto che la malattia esercita sulla loro condizione esistenziale ed i costi sociali che comporta. In particolare si è deciso di dare importanza al punto di vista del paziente, al fine di verificare l'atteggiamento di chi soffre di emicrania, l'informazione sulla patologia ed i comportamenti assunti, dove spesso è rilevante l'autocura, insieme alle modalità con cui si instaura l'eventuale rapporto con i professionisti della salute (dal medico di medicina generale allo specialista), il sistema delle cure e le conseguenze sulla qualità della vita.

Presenta la ricerca:
Ketty Vaccaro - Responsabile dell'area Welfare e Salute del Censis

Ne discutono:
Elio Agostoni - Direttore della Struttura complessa di Neurologia e Stroke Unit dell'Ospedale Niguarda di Milano
Piero Barbanti - Direttore dell'Unità per la Terapia e la Ricerca su Cefalee e Dolore dell'Istituto San Raffaele Pisana di Roma
Paola Boldrini - Membro della 12ª Commissione Igiene e sanità del Senato della Repubblica
Maria Teresa Bressi - Coordinamento nazionale associazioni malati cronici di Cittadinanza Attiva
Gianluca Coppola - Neurologo Ricercatore dell'Università Sapienza di Roma
Alessandro Giua - Vice Presidente di Ouch Italia
Lara Merighi - Coordinatrice Al.Ce. Group Italia
Gioacchino Tedeschi - Presidente eletto della Società Italiana di Neurologia (Sin)


Le opinioni e i contenuti espressi nell'ambito dell'iniziativa sono nell'esclusiva responsabilità dei proponenti e dei relatori e non sono riconducibili in alcun modo al Senato della Repubblica o ad organi del Senato medesimo.
L'accesso alla sala - con abbigliamento consono e, per gli uomini, obbligo di giacca e cravatta - è consentito fino al raggiungimento della capienza massima.
I giornalisti devono accreditarsi secondo le modalità consuete inviando un fax al numero 0667062947.