settori di ricerca

Inizio Contenuto

IL CENSIS

Competenze e approcci metodologici



I settori di lavoro descritti, oltre a realizzare attività di ricerca e interpretazione sui temi di loro interesse, operano anche in maniera integrata, al fine di rispondere ad esigenze di committenti (soprattutto la Pubblica Amministrazione centrale e periferica e la Commissione europea) le cui richieste di intervento richiedono competenze trasversali e approcci metodologici diversificati.
È questo il caso delle attività di:

  • assistenza tecnica, azioni di sistema e supporto operativo ai decision maker a livello centrale per la redazione di atti programmatici, normativi e di pianificazione dello sviluppo, come ad esempio le attività svolte per il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali nell'ambito delle politiche per la trasparenza delle nuove forme di lavoro e per l'emersione del lavoro non regolare; oppure, nell'ambito della tematica dell'immigrazione, la realizzazione di un Osservatorio permanente sulla condizione degli immigrati e sullo stato dei processi di accoglienza e di integrazione nelle regioni del Mezzogiorno; o l'attività di assistenza al Dipartimento della Funzione Pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri per la realizzazione di interventi formativi di supporto all'innovazione organizzativa e allo sviluppo dell'e-government negli enti locali;
  • valutazione delle politiche pubbliche e supporto alla programmazione a livello locale, come la realizzazione della ricerca sui fabbisogni formativi del territorio della Regione Sardegna, con interventi strutturali di sostegno alla riforma dei servizi per l'impiego; la realizzazione di un modello di formazione continua per gli operatori della Regione Puglia sulla programmazione negoziata; la valutazione indipendente degli interventi del Fondo sociale europeo realizzati dalla Regione Friuli Venezia Giulia; l'assistenza tecnica alla Regione Campania nell'analisi dei fabbisogni di infrastrutture materiali e immateriali nei distretti industriali e nei sistemi locali del lavoro;
  • cooperazione allo sviluppo a favore di Paesi europei ed extraeuropei, attraverso la realizzazione di progetti come «Analisi e strategie per lo sviluppo nella transizione della Slovacchia centrale e per lo scambio con il sistema economico italiano» svolto per conto del Ministero degli Affari Esteri, o «Sviluppo del sistema di istruzione superiore tecnica in Libano» realizzato per conto della World Bank;
  • ricerca, consulenza e supporto alle politiche e agli interventi della Commissione europea e di altri organismi comunitari, come la partecipazione con progetti di ricerca ai Programmi Agis, Daphne, Stop, Oisin e Falcone della Dg Giustizia e Affari Interni; la partecipazione al Progamma Meda della Dg Relazioni Esterne, attraverso la rete Femise e il Partenariato euro-mediterraneo; la realizzazione di progetti innovativi come Digital Business Ecosystem nell'ambito del 6° Programma quadro di ricerca e sviluppo; i contributi forniti alle due fasi di Equal con progetti come Integra e Integrarsi (dedicati ai rifugiati e ai richiedenti asilo), Gender Competency (conciliazione della vita professionale e della vita familiare), Quasar (qualità per sistemi a rete di imprese sociali), Meta (modello di intervento integrato enogastronomia, turismo, artigianato).